Tecnologie

Dai un'occhiata al laboratorio Microsoft, dove i dispositivi passano attraverso l'inferno

Dai un'occhiata al laboratorio Microsoft, dove i dispositivi passano attraverso l'inferno

Microsoft produce ottimi dispositivi: Surface Laptop, Surface Pro e Surface Book sono alcuni dei principali esempi di hardware Microsoft; e dove c'è l'hardware, c'è il test dell'hardware. Microsoft ha recentemente pubblicato un post sul blog che mostra il suo centro di test, dove l'azienda testa il suo hardware in quella che può essere definita solo una serie di test di tortura che durano da un paio di settimane ad alcuni mesi..

Quindi cosa succede al Microsoft Testing Lab situato presso la sede dell'azienda a Redmond, Washington? Ecco un approfondimento nell'edificio riservato di Microsoft dove (e cito) "Le cose brutte accadono ai buoni dispositivi."

Il laboratorio di affidabilità di Microsoft è costituito da più camere, in cui ingegneri e tecnici sottopongono l'hardware dell'azienda a una serie di test che hanno lo scopo di verificarne la resistenza nel tempo all'uso quotidiano. L'hardware è stressato a tal punto che entro poche settimane la struttura è in grado di testarlo "3 anni di vita."

Una penna per Surface tocca ogni pulsante su uno schermo. Lo farà per alcune settimane.

Ad esempio, i Surface Studios vengono sottoposti a test per più cose, incluso un test per la durata ad alte temperature. La macchina viene posta in una camera riscaldata a 131 gradi Fahrenheit (ovvero 55 gradi Celsius), insieme all'umidità relativa impostata all'85%. La povera macchina deve sopportare questo per ore alla volta, dopodiché gli ingegneri la controllano anche per il minimo problema: schermi sporgenti, cardini, dischi rigidi e tutto il resto.

Secondo Krishna Darbha, Senior Director of Devices 'Reliability di Microsoft, le misurazioni dei test sono precise fino all'errore. "È in micron" lui dice. Un cambiamento che non è nemmeno visibile ad occhio nudo.

Un Surface Pro viene sottoposto a un test di corrosione del sale.

In altre camere dello stesso edificio, i Surface Pro vengono sottoposti a test di corrosione. Vengono messi in una `` macchina della nebbia salina '', per emulare le condizioni a bordo di una nave nell'Oceano Pacifico, e vengono quindi controllati per la corrosione in ogni angolo - dispositivi affidabili, dopotutto, sono ciò che l'azienda cerca di mettere fuori. e cosa li rende uno degli strumenti più utilizzati dai ricercatori.

Gli ingegneri testano anche i dispositivi per l'esposizione alla luce solare. Per fare ciò nel giro di poche settimane, mettono i dispositivi in ​​una camera di luce UV, dove i dispositivi sono immersi nella luce bianca delle lampadine allo xeno.

Jonathan Lehl, un ingegnere collaudatore dice, "Stiamo prendendo la luce solare e concentrandola, rendendo più intenso ridurre il tempo necessario al materiale per vedere quell'esposizione cumulativa." È pericoloso entrare nelle camere, quindi la squadra chiude a chiave le porte. Secondo Lehl, se qualcuno dovesse entrare nella stanza durante il test si prenderebbe una scottatura entro un minuto.

L'azienda acquista anche la polvere, specifico per testare la durata dei dispositivi nel tempo all'esposizione alla polvere sia nelle case che negli uffici. Il team controlla i dispositivi per come funzionano le ventole quando c'è polvere all'interno del laptop, intasando la scheda madre e se il dispositivo può ancora essere raffreddato dalle ventole una volta che la polvere si è inevitabilmente depositata all'interno.

Gli ingegneri ei tecnici dell'azienda lavorano ogni giorno, mettendo i dispositivi che hanno contribuito a creare, attraverso una serie di test tortuosi per garantire che siano "a prova di uomo" per essere immessi sul mercato. La loro filosofia, e giustamente, è questa "Il sistema è forte quanto il suo anello più debole", ed è quello che hanno deciso di trovare, ogni giorno.

Come proteggere i tuoi dispositivi mobili da virus e furti
Più usi il tuo smartphone o il tuo PC Tablet, più sono inclini ad attacchi di virus ma questo non significa che dovresti smettere di usarli, dopotutto...
La ricondivisione di Google+ ora contiene il backlink al post originale
Un fatto meno notato ma molto importante sulla condivisione di Google Plus è che, in precedenza non forniva un backlink al post originale che era stat...
Sito web del Partito popolare pakistano hackerato da hacker indiani
Il Pakistan Peoples Party, che era nelle cronache per i commenti di Bilawal Bhutto Zardari sulla presa dell'intero Kashmir dall'India, ha il suo sito ...